Esame di avvocato 2016
  Normativa sull'esame
La prova scritta
La prova orale
Pareri e atti già assegnati
Discuti il parere
Forum
Leggi e sentenze
Siti di interesse
  Bandi esami precedenti
Home page
 Cerca nel sito
 


MAILING LIST
Per essere gratuitamente informato sulle nostre pubblicazioni, le offerte formative e le novità giurisprudenziali
clicca qui per iscriverti



Pareri Motivati di Diritto Civile


Pareri motivati di Diritto Penale

Anno 1993

Quesito n. 1

Tizio, coniugato con Caia, è proprietario del fondo Corneliano.

Entrambi i coniugi commettono ad un’impresa appaltatrice una costruzione a spese comuni sul predetto suolo.

In difetto di espressa regolamentazione fra i coniugi circa la proprietà della costruzione stessa, sorge fra loro controversia a proposito.

Tizio si rivolge ad un procuratore legale per un parere sulla questione.

Il candidato, assunte le vesti del procuratore legale, rediga il parere soffermandosi sugli istituti applicabili e sulle problematiche connesse alla fattispecie.

 

 

Quesito n. 2

Tizio è prenditore in buona fede di una cambiale rilasciata da Caio nella sua dichiarata qualità di amministratore e legale rappresentante della società Alfa S.r.l.

Successivamente al rilascio, Tizio accerta che lo statuto della società limita il potere del suo legale rappresentante, escludendo l’emissione di titoli cambiari. Egli si rivolge pertanto ad un procuratore legale per un parere sulla questione.

Il candidato, assunte le vesti del procuratore legale, rediga il parere soffermandosi sugli istituti applicabili e sulle problematiche connesse alla fattispecie.

 

Quesito n. 3

Tizio, pugile professionista, viene avvicinato di notte da due individui che riconosce come due noti pregiudicati con i quali aveva avuto in precedenza un diverbio.

Ritenendo che i due stiano per aggredirlo, li colpisce ripetutamente con pugni, lasciandoli in terra tramortiti e procurando ad uno la frattura della mandibola, successivamente giudicata guaribile in oltre quaranta giorni con indebolimento permanente dell’organo della masticazione, ed all’altro una lesione del bulbo oculare sinistro con conseguente diminuzione del visus. Successivamente, preoccupato di eventuali conseguenze di carattere penale, si reca da un procuratore legale per chiedergli un parere in merito alla sua posizione.

Il candidato, assunte le vesti del procuratore legale, rediga il parere soffermandosi sugli istituti e problematiche connesse alla fattispecie.

 

Quesito n. 4

Tizio recatosi presso gli uffici del Comune per una autentificazione di firma vi trova Caio, impiegato con funzione di coadiutore, il quale gli fa presente che il funzionario competente a compiere l’atto è momentaneamente assente. In seguito alla pressioni di Tizio il quale ha urgenza di ottenere l’autenticazione in relazione alla scadenza di termini perentori Caio ottiene telefonicamente l’autorizzazione di Sempronio, funzionario competente a sottoscrivere l’autenticazione con il nome di quest’ultimo ed in tal modo autentica la firma di Tizio, il quale, soddisfatto dell’agevolazione ottenuta spontaneamente dona a Caio un orologio d’oro che ha con sé. Successivamente, Caio, temendo per la sua condotta conseguenze di carattere penale si reca da un procuratore legale per chiedergli un parere in merito alla sua posizione nonché in merito a quella di Tizio e Sempronio. Il candidato assunte le vesti del procuratore legale rediga il parere, soffermandosi sugli istituti e problematiche connesse alla fattispecie.

Quesito n. 5

La ALFA S.p.A., con propria deliberazione assembleare di aumento del capitale, offriva in opzione ai soci le azioni di nuova emissione.

Prima della scadenza del termine per l’esercizio del diritto di opzione, la società con altra deliberazione dell’assemblea dei soci revocava il diritto di opzione data la necessità di disporre la riduzione del capitale per perdite ed il contestuale aumento dello stesso per riguardo al minimo sociale.

Il socio Tizio, intenzionato ad esercitare il diritto di opzione, si rivolge ad un procuratore legale per la tutela dei propri interessi.

Il candidato, assunte le vesti del procuratore legale, rediga l’atto giudiziario più idoneo alla tutela delle ragioni di Tizio.

 

Quesito n. 6

Tizio, volendo costruire una villa su suolo di sua proprietà a destinazione edificatoria, chiede ed ottiene il rilascio della relativa concessione edilizia e rispetta scrupolosamente, nella costruzione, il progetto in base al quale gli è stata rilasciata la concessione.

In seguito all’accertamento della violazione, da parte dell’autorità comunale concedente, delle norme del piano regolatore generale, che consentivano nella zona l’edificazione esclusivamente a scopo di sviluppo industriale, il manufatto viene sottoposto a sequestro preventivo dall’autorità giudiziaria che ipotizza il reato di cui all’art. 20 lett. a) della L. 28-2-1985, n. 47.

Tizio si rivolge quindi ad un procuratore legale per la tutela delle proprie ragioni facendogli presente di avere ignorato l’esistenza delle norme del piano regolatore violate e di avere fatto affidamento sulla legittimità della concessione rilasciatagli.

Il candidato, assunte le vesti del difensore di Tizio, rediga l’atto giudiziario più idoneo a salvaguardare la posizione di questi.

 

Quesito n. 7

La società Alfa partecipa ad una gara di appalto per la costruzione di un edificio scolastico indetta dall’amministrazione provinciale.

Nel bando, tra le altre modalità di presentazione delle offerte, ve ne è una che genericamente prevede che queste pervengano all’amministrazione entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando di gara.

Sulla base di un’offerta pervenuta all’amministrazione provinciale due giorni dopo la scadenza del termine anzidetto, la società Alfa si aggiudica l’appalto.

La società Beta, che aveva concorso all’appalto, ricorre al T.A.R. chiedendogli l’annullamento dell’atto di aggiudicazione sul presupposto che la tardività dell’offerta della società Alfa ne comportava l’esclusione ai sensi di quanto previsto nel capitolato generale, che l’amministrazione provinciale, sebbene avesse erroneamente omesso di richiamarlo nel bando, era tenuta ad osservare.

II legale rappresentante della società Alfa si rivolge allora ad un procuratore legale per la tutela delle proprie ragioni, facendogli presente che nel bando, la tempestività dell’offerta non era stata espressamente prevista a pena di esclusione dalla gara e che al momento della presentazione dell’offerta egli ignorava l’esistenza del capitolato generale dedotto in ricorso.

II candidato, assunte le vesti del procuratore legale, rediga l’atto giudiziario più idoneo a salvaguardare la posizione della società Alfa.