Esame di avvocato 2016
  Normativa sull'esame
La prova scritta
La prova orale
Pareri e atti già assegnati
Discuti il parere
Forum
Leggi e sentenze
Siti di interesse
  Bandi esami precedenti
Home page
 Cerca nel sito
 


MAILING LIST
Per essere gratuitamente informato sulle nostre pubblicazioni, le offerte formative e le novità giurisprudenziali
clicca qui per iscriverti



Pareri Motivati di Diritto Civile


Pareri motivati di Diritto Penale

Anno 2000

Quesito n. 1

Tizio acquista da Caio un appartamento sito in un immobile in regime di condominio. Nell’atto di acquisto viene inserita una clausola per effetto della quale vengono esplicitamente esclusi dall’alienazione i posti macchina del cortile.

La clausola viene apposta perché, essendo i posti macchina non delimitati ed in numero insufficiente per il parcheggio di un’autovettura per ogni condomino, è interesse di Caio, condomino, limitare il numero di persone che hanno titolo per parcheggiare in detto cortile.

In epoca immediatamente successiva alla stipula dell’atto Tizio, infastidito per il fatto di non poter usufruire di un posto macchina, si rivolge ad un legale, chiedendo se sia possibile agire nei confronti del suo dante causa.

Il candidato, assunte le vesti di legale, premessi brevi cenni generali sulla problematica relativa all’applicazione dell’art. 1117 c.c., rediga motivato parere.

 

Quesito n. 2

Tizia, cadendo sui vetri di una bottiglia, riporta, tra l’altro, la recisione del nervo mediano e di quello ulnare. Sottoposta ad intervento chirurgico, presso una struttura pubblica, ad opera di un chirurgo dipendente da essa struttura, rimane menomata riportando una forte limitazione alla funzionalità della mano destra.

Poiché Tizia ha motivo di ritenere che l’insuccesso dell’intervento sia conseguenza della mancata, tempestiva rilevazione della recisione sopra indicata, si rivolge ad un legale, al fine di ottenere il risarcimento danni.

Il candidato, assunte le vesti del legale, premessi sintetici cenni sulla responsabilità per prestazione professionale, rediga motivato parere indicando, in particolare, le argomentazioni giuridiche per cui ritenga debbano, nel caso di specie, trovare applicazione i principi propri dell’illecito extracontrattuale ovvero, al contrario, quelli che disciplinano la responsabilità conseguente a contratto d’opera professionale.

 

Quesito n. 3

Tizio, funzionario ministeriale, ha in consegna le busta chiuse contenenti le offerte delle ditte che partecipano all’asta pubblica per la costruzione di una scuola.

Tizio, presa fraudolentemente visione del contenuto di tutte le offerte contenute nelle buste, prima della scadenza del termine stabilito per l’apertura delle buste stesse — al fine di favorire la ditta Alfa dalla quale ha percepito notevoli somme di danaro, sottrae la busta contenente l’offerta fatta pervenire dalla predetta ditta, la distrugge e la sostituisce con altra, da lui compilata,

Preoccupato per le conseguienze della sua azione, Tizio si rivolge ad un legale.

Il candidato, assunte le vesti del legale, delineata la problematica sottesa alla fattispecie in esame, rediga motivato parere.

 

Quesito n. 4

Tizio, al fine di risultare vincitore di un pubblico concorso, attesta falsamente di possedere i requisiti richiesti. Scoperto l’inganno, viene estromesso dalla graduatoria e denunziato. Tizio si reca da un legale per conoscere quali possono essere le conseguenze della sua azione.

Il candidato, assunte le vesti del legale, premessi generalissimi cenni sul momento consumativo del reato, delinei la problematica sottesa alla fattispecie in esame e rediga motivato parere.

 

 

Quesito n. 5

Tizio acquista da Caio, commerciante al dettaglio, numerose tegole — prodotte dalla ditta Alfa — per ricoprire il tetto della propria villa. Le tegole vengono consegnate all’acquirente direttamente dalla ditta Alfa.

Le tegole — una volta poste in opera — si rivelano difettose e debbono essere sostituite.

Tizio si rivolge ad un legale che provvede a citare in giudizio Caio, chiedendo la risoluzione del contratto di compravendita ex art. 1492 c.c. oltre al risarcimento del danno.

Caio, nel costituirsi in giudizio, chiama in causa la ditta Alfa, chiedendo che quest’ultima — in caso di condanna di esso convenuto — sia a sua volta condannata al rimborso, in suo favore, delle somme da lui corrisposte.

Il candidato, assunte le vesti del difensore della ditta Alfa, rediga l’atto ritenuto più opportuno, evidenziando la problematica sottesa alla fattispecie in esame.

 

Quesito n. 6

Tizio, nottetempo, si introduce nella casa di Caio al fine di impossessarsi di merce di valore ivi custodita.

Affrontato da Caio, Tizio, nel corso della colluttazione, viene ferito con un tagliacarte impugnato da Caio e, a sua volta, ferisce quest’ultimo con un cacciavite.

Tizio riesce a fuggire e Caio, che ha riportato ferite non gravi da taglio, si reca all’ospedale dove viene medicato.

Dopo qualche tempo risulta che Caio è stato contagiato dal virus HIV di cui Tizio è portatore. Tizio, tratto a giudizio, viene condannato alla pena di anni 12 di reclusione e 600 mila lire di multa per rapina impropria aggravata, porto abusivo di cacciavite, violazione di domicilio aggravata e lesioni personali gravissime.

Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio, rediga l’atto ritenuto più opportuno, evidenziando la problematica sottesa alla fattispecie in esame.

 

Quesito n. 7

Tizia, dipendente della Società Poste Italiane S.p.A., chiede di accedere alla documentazione relativa alla procedura di inquadramento a quadro di II livello cui ha partecipato. La richiesta, proposta per la prima volta in data 7-5-1999, viene reiterata in data 11-6-1999 e 3-8-1999. Le istanze proposte da Tizia vengono ogni volta rigettate e, da ultimo, l’istanza proposta in data 3-8-1999 viene rigettata con atto del 9-8-1999. Tizia in data 10-8-1999 si reca da un legale. Il candidato, assunte le vesti del legale, rediga l’atto ritenuto più opportuno, evidenziando la problematica sottesa alla fattispecie in esame.